BONUS RISTRUTTURAZIONE

Detrazione dilazionata in 10 anni fino ad un tetto massimo di spesa di 96.000 euro

NORMATIVA

La Legge di Bilancio 2021 (L. 30.12.2020 n. 178) ha prorogato al 31.12.2021 le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni (Bonus Casa) in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

Dal 2018 vige l’obbligo di trasmettere all’Enea, Dipartimento Unità per L’Efficienza Energetica, le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus).

Oltre alla detrazione Irpef pari al 50% della spesa sostenuta, è possibile usufruire anche dell’I.V.A. agevolata al 10% e della detrazione degli interessi passivi sui mutui stipulati per ristrutturare l’abitazione principale. A questo si aggiungono, inoltre, le detrazioni per l’acquisto di immobili ad uso abitativo facenti parte di edifici interamente ristrutturati o quelle per la realizzazione o l’acquisto di posti auto.

DETRAZIONI E TETTI DI SPESA MASSIMI

Per le unità abitative singole è possibile usufruire della detrazione pari al 50% delle spese sostenute mediante bonifici effettuati con un limite di spesa massimo pari a 96.000 € per ciascuna unità immobiliare.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.

INTERVENTI COMPRESI

MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Opere e modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti, anche strutturali, degli edifici e per realizzare ed integrare servizi igienico/sanitari e tecnologici, sempre che non modifichino la volumetria complessiva o cambio della destinazione d’uso.

Rientrano anche gli interventi di frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere a condizioni che non sia variata la volumetria complessiva e si mantenga l’originaria destinazione d’uso.

RESTAURO E RISANAMENTO

Interventi volti a conservare l’immobile (risanamento conservativo) e assicurarne la funzionalità per mezzo di un insieme di opere che, rispettandone gli elementi tipologici, formali e strutturali, ne consentono destinazioni d’uso con esso compatibili.

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

Negli interventi di restauro e risanamento conservativo sono compresi quelli volti a trasformare un fabbricato mediante un insieme di opere che possono portare ad un fabbricato del tutto o in parte diverso dal precedente.

Non sono compresi gli interventi di demolizione e ampliamento in quanto vengono considerati “nuova costruzione”.

EVENTI CALAMITOSI

Ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi.

BARRIERE ARCHITETTONICHE

Interventi finalizzati ad eliminare le barriere architettoniche meditante l’installazione di ascensori e montacarichi, nonché alla realizzazione di ogni strumento che sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone con disabilità gravi.

La detrazione non comprende le spese sostenute per l’acquisto degli strumenti, ma solo quelle per la realizzazione degli stessi (posa in opera, permessi, direzione lavori, etc.)

PREVENZIONE RISCHI ATTI ILLECITI

Interventi finalizzati alla riduzione dei rischi di compimento di atti illeciti da parte di terzi (furto, aggressione, sequestro di persona, etc.) mediante rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate, recinzioni, grate, porte blindate, serrature antintrusione, impianti antifurto, vetri antisfondamento, casseforti, videosorveglianza, etc.

AUTOMAZIONE

Interventi finalizzati alla cablatura degli edifici ed al contenimento dell’inquinamento acustico mediante materiali fonoassorbenti.

RISPARMIO ENERGETICO

Interventi finalizzati al conseguimento del risparmio energetico degli edifici, con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego di fonti rinnovabili di energia.

Per usufruire della detrazione è necessario che l’impianto sia installato per far fronte al fabbisogno energetico dell’abitazione.

I contribuenti beneficiari della detrazione possono scegliere se cedere il credito d’imposta derivante in favore dei fornitori di beni e servizi necessari alla realizzazione ma non ad istituti di credito o intermediari finanziari.

Per una maggior detrazione si far riferimento al Superbonus.

MISURE ANTISISMICHE

Interventi per l’adozione di misure antisismiche, in particolare per le opere di messa in sicurezza statica.

Per una maggior detrazione e ulteriori informazioni a riguardo si fa riferiemento al Sisma Bonus.

BONIFICA AMIANTO E INFORTUNI DOMESTICI

Interventi di bonifica dell’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici come la semplice riparazione di impianti insicuri realizzati su immobili.

Sono comprese le installazioni di apparecchi per la rilevazione di gas inerti, il montaggio di vetri anti-infortunio e l’installazione del corrimano.

La detrazione per gli interventi di recupero edilizio non è cumulabile con l’agevolazione fiscale prevista per gli stessi interventi dalle disposizioni sulla riqualificazione energetica degli edifici.