TETTI MASSIMI
DI SPESA

ISOLAMENTO TERMICO

 

Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.

La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese pari a:

50.000 €

Per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano indipendenti e dispongano di accessi autonomi.

40.000 €

Moltiplicati per il numero di unità abitative presenti in edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari.

30.000 €

Moltiplicati per il numero di unità abitative presenti in edifici composti da più di 8 unità immobiliari.

ESEMPIO

In un edificio composto da 12 unità immobiliari il limite di spesa complessivo è pari a 440.000 €, calcolato moltiplicando 40.000 € per 8 unità abitative (320.000 €) e 30.000 € per le restanti 4 (120.000 €).

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE CENTRALIZZATI

 

Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, ivi compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di micro-cogenerazione o a collettori solari (pannelli solari termici), nonché allaccio a teleriscaldamento (solo per i comuni montani) .

La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a:

100.000 €

Per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti che conducano ad un risparmio di energia primaria (PES) pari almeno al 20%, come definito all’allegato III del decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 agosto 2011.

20.000 €

Moltiplicati per il numero di unità abitative presenti in edifici composti fino a 8 unità immobiliari.

15.000 €

Moltiplicati per il numero di unità abitative presenti in edifici composti oltre a 8 unità immobiliari.

p

La detrazione è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE AUTONOMI

 

Interventi di sostituzione degli impianti esistenti sugli edifici unifamiliari (case indipendenti) o sulle unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari indipendenti e che dispongano di accessi autonomi (abitazioni semi-indipendenti in contesto bifamiliare, quadrifamiliare, etc.) con sistemi per il riscaldamento, raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, compresi impianti ibridi e geotermici, anche abbinati agli impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione o a collettori solari (pannelli solari termici), nonché con caldaie a biomassa (solo per le aree non metanizzate), nonché allaccio a teleriscaldamento (solo per i comuni montani).

La detrazione è calcolata sull’ammontare complessivo delle spese non superiore a:

30.000 €

Riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento nonché alla bonifica dell’impianto sostituito.

IMPIANTI SOLARI FOTOVOLTAICI

 

Interventi su edifici volti all’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica nonché all’implementazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati.

48.000 €

2.400 € per ogni kW di potenza nominale dell’impianto.
1.000 € per ogni kW di capacità di accumulo.

SISMA BONUS

Nel Sisma Bonus rientrano tutte le spese sostenute per realizzare interventi antisimici sugli edifici ricadenti nelle aree soggette a rischio sismico 1, 2 e 3.

Con l’introduzione del Superbonus e il realtivo art. 119 del Decreto Rilancio è stata eliminata la premialità degli interventi: pertanto ora non è più necessario che gli stessi portino un miglioramento della classe sismica per ottere il massimo delle detrazione fiscale.

Per i lavori antisismici, inoltre, vige il principio secondo cui l’intervento di categoria superiore assorbe quelli di categoria inferiore ad esso collegati (risoluzione n. 147/E 2017). La detrazione del 110% può quindi essere applicata, ad esempio, anche alle spese di manutenzione ordinaria (titeggiatura, intonacatura, rifacimento di pavimenti, etc.) e straordinaria (si veda il Bonus Ristrutturazioni), necessarie al completamento dell’opera.

96.000 €

Per gli edifici unifamiliari funzionalmente indipendenti oppure moltiplicato per ogni singola unità immobiliare per gli interventi sulle parti comuni di edifici condominiali

136.000 €

Per ogni singola unità immobiliare in caso di intervento combinato con interventi di riqualificazione energetica (Ecobonus)

COLONNINE DI RICARICA

Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici realizzata congiuntamente ad almeno uno degli interventi “trainanti” previsti dal Superbonus. La detrazione è valida per massimo 1 colonnina per unità abitativa, sia in condominio che in contesto plurifamiliare.

2.000 €

Per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano indipendenti e dispongano di accessi autonomi.

1.500 €

Per gli edifici plurifamiliari che installano un numero massimo di 8 colonnine di ricarica.

1.200 €

Per gli edifici plurifamiliari che installano un numero più di 8 colonnine di ricarica.